Una boiata biblica

Ha fatto benissimo il Vaticano ad opporsi alla richiesta della produzione di prestare i propri luoghi per le riprese del film Angeli e demoni. Ha fatto benissimo: non perché il film è anti-cattolico, anti-papista, anti-religioso. Ma perché il film è una boiata pazzesca, di dimensioni bibliche.  La Santa Sede avrebbe fatto una figura barbina, se avesse prestato i propri palazzi, vie, stanze ad un film così insulso.

Non mi riferisco tanto e solo alla trama, implausibile certo ma è pur sempre finzione: si fomentano atti di terrorismo di stampo massonico, “di sinistra”, con annessi sequestri di cardinali, in pieno conclave, per dar vita ad un colpo di Stato reazionario all’interno delle Mura Vaticane. Sto parlando invce di alcune scene, di alcune scelte che rendono risibile e ridicola la pellicola firmata da Ron Howard e con Tom Hanks come attore protagonista.

La storia si svolge in circa 7 ore, durante le quali, il professor Langdon, interpretato da Tom Hanks, appena giunto dagli Stati Uniti, avendo compiuto un volo trans-atlantico partito all’alba, senza risentire minimamente il jet lag, riesce a risolvere difficili misteri che riguardano la Storia della Chiesa, senza conoscerne la lingua (cioé il latino) e a sopravvivere a svariati scontri a fuoco e a prove fisiche che avrebbero messo a dura prova persino Rambo. Ma il peggio, in termini di realismo, deve ancora avvenire. Il camerlengo, interpretato da Ewan McGregor, è ancor più invincibile di Tom Hanks: supera con pochi patemi una marchiatura a fuoco che gli deturpa l’intero petto e, quasi subito dopo, senza nessuna fatica apparente, batte ogni record di corsa, sale su un elicottero, si getta con il paracadute, viene sballottato qua e là da un mega bomba, perde conoscenza, va a sfrantumarsi sopra una folla di fedeli riuniti in San Pietro per poi rialzarsi in piedi, ferito sì (vorrei vedere) ma ancora abile e arruolato. Inaccettabile!

E non finisce qui. Altre astrusità: a Roma il tramonto è uguale in tutto e per tutto al sole a mezzogiorno. Scontri  in piena Piazza San Pietro tra fedeli e agnostici, come se fossero semplici ultras. La stessa Piazza San Pietro che viene svuotata e riempita in pochissimo tempo. Bandiere bianco-celesti che sventolano sempre in Piazza San Pietro. Un semplice brigadiere dei carabinieri che sembra dirigere le indagini in una chiesa dove si è svolto un massacro in piena regola con annesso cardinale finito al rogo. Un libro di Galileo Galieli stampato in Olanda, scritto in latino e con il titolo in italiano. E poi… Basta. Sarebbero innumerevoli le lacune, le crepe del film. Mi fermo qua.

P.S. Da notare che, mentre nel Codice da Vinci, il personaggio francese che affiancava Tom Hanks era interpretato da un’attrice francese, la Tatou, in Angeli e demoni il personaggio italiano viene ricoperto da un’attrice israeliana, Ayelet July Zurer. Un segno della stima che ha Hollywood delle attrici del nostro Paese?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: