All’armi, all’armi

Libro e moschetto! Associazione banale, ma obbligatoria, se si pensa alla nuova iniziativa dell’inedita coppia Gelmini-La Russa:  i due ministri hanno deciso di introdurre nelle scuole superiori una serie di esercizi dal carattere militare. Tra questi, udite udite, il tiro con l’arco e l’utilizzo delle pistole ad aria compressa. Ma vaffanculo!

Tutti si lamentano di come la scuola non prepari gli studenti al mondo oggi, non li prepari al lavoro e tante altre belle cose. E allora per risolvere il problema si introducono il tiro con l’arco, l’esercitazioni con le pistole ad aria compressa ed esercizi ginnico-militari. Scuola formativa non c’è dubbio. A cazzo di cane, però. Che futuro si costruisce imparando a usare la pistola? Quella da poliziotto ma anche quella da ladro. E l’arco? A cosa serve: andare a caccia come gli antichi? Che imbecillità.

Di fronte a decisioni del genere, che nulla servono ai nostri giovani, che nulla servono al miglioramento della nostra scuola, ci cascano letteralmente le braccia.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: