Botti di fine anno

Bilancio
In un’intervista a Sky TG24 Bersani dà il voto al proprio partito: 6 – in coesione interna e consenso, 7 per l’iniziativa politica.  Media: 6 +. Bisogna dare atto al politico emiliano di essere oggettivo e onesto. Bisogna però sottolineare che se questo è il risultato che si auto-attribuisce, beh… Bersani come segretario del PD ha fatto fetecchia.

E’ caduto giù l’Armando
Di notte dei cretini del PDL, a quanto risulta dalle cronache, hanno baccano fatto  sotto casa di Vendola, insultandolo. Al governatore della Puglia è pigliato un colpo: s’è svegliato ed è caduto dalle scale facendosi male.  Ecco il suo commento: ” E’ stata una nottata antipatica e alcuni giovani sono stati identificati dalle forze dell’ordine. Ognuno ha il diritto al sonno e nello spavento notturno sono anche caduto per le scale e per questo mi vedete così claudicante. Ho scelto di vivere nel centro storico del mio paese di fronte al mercato, e non in una villa residenziale separata dal popolo e penso che continuerò così. Spero che i giovani del Pdl abbiano motivo di imparare le regole della lotta politica”. Non so se è una giornata tragica e comica per la democrazia italiana

Il velo strappato
Per una volta quel razzistone dell’ex sindaco di Treviso, Gentilini, esprime un concetto sensato in una lettera al Presidente Napolitano: “Leggo con raccapriccio che i militari sono diventati spazzini, io ho sempre esaltato il soldato come faro di luce per il popolo italiano sia in guerra che in pace. Ma a vedere i soldati abituati a sfidare il pericolo sotto il crepitare delle mitragliatrici o sotto i bombardamenti o nei campi minati in mezzo al lezzo puzzolente delle spazzature ammucchiate per le vie di Napoli da amministratori incapaci, credo si commetta un sacrilegio”. A parte l’eccesso di retorica, Gentilini ha scritto una cosa condivisibilissima – e che stranamente nessun politico, neppure di opposizione, ha sottolineato: mandare i soldati italiani a raccogliere la spazzatura altrui è una vergogna perché: a) non per quello sono stati addestrati e pagati; b) non si tratta di un’emergenza che le tante autorità civili, con un po’ di impegno, non riescono a risolvere – altrimenti quando impareranno a far da soli
Bravo Gentilini: peccato che abbia sbagliato destinatario. La lettera andava indirizzata ad Ignazio La Russa, il ministro della difesa che utilizza a suo piacimento le nostre truppe.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: