Tripoli bel suol d’amore

Se il suo esercito tentenna e sembra parteggiare per i rivoltosi; se, forse proprio per questo, è costretto a chiamare dei mercenari per fare il lavoro sporco; se ha fatto parlare uno dei suoi tanti figli per minacciare i ribelli; se sono insistenti le voci di una sua fuga; se non appare in tv; allora vuol dire che il nostro caro vicino Gheddafi se la sta passando veramente male.

Non piangiamo se cade. Tutt’altro. Speriamo che ponga fine alla repressione. Speriamo che non ricorra a quella che considero un’arma di distruzione di massa. Niente nucleare o armi chimiche. Semplicemente temo che ci scateni contro una massa di profughi mai vista: decida di non controllare più le coste e di inondare il Mediterraneo di poveracci, che si riverserebbero sulle nostre coste. E sarebbero migliaia. Scenario da incubo.

Chi vivrà, vedrà. Proprio per questo il governo italiano non sa che pesci prendere. E si sta comportando in una maniera alquanto raffazzonata. E sto usando un eufemismo. Non sapendo che, comunque vada, noi ne usciremo male. Se vince Gheddafi, sarà evidente a tutti che il nostro partner è un criminale sanguinario, dittatore della peggiore risma. Non è che avessimo dubbi in proposito. Tuttavia alcuni fautori della realpolitik lo considerano un valido aiuto. Se vincono i rivoltosi, l’Italia sarà vista come la nazione che per anni ha sostenuto finanziariamente un dittatore sanguinario.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: