New Orleans/5

Il Buddha nero. Non si tratta di una nuova incarnazione, questa volta afro-americana, del mitico Buddha. E neppure di un cantante di colore che si è autoproclamanto il nuovo Buddha – come fece, mutatis mutandis, il grande Isaac Hayes che si definì Black Moses. Niente di tutto questo. Sto parlando, semplicemente, di un nero molto corpulento che, impassibile, si sparava un sigaro dietro l’altro alla Cigars Factory nel French quartiere di New Orleans.

Accompagnato dalla madre o suocera e dalla moglie, anch’essa fumatrice, questo Buddha nero si gustava giganteschi sigari prodotti in questa officina/negozio al dettaglio della città della Lousiana. Senza battere ciglio. Io non ce l’avrei mai fatta. Le dimensioni dei sigari erano impressionanti, nulla da invidiare alle nerchie di un Rocco Siffredi o di un John Holmes. Mai sarei riuscito a metterli in bocca, non avendo quella apertura orale che si potevano permettere Cicciolina o Moana Pozzi buon’anima. E anche se ce l’avessi fatta, andando veramente contro natura, al massimo sarei potuto arrivare a metà (ed esagero): dopo mi sarei sentito male e mi avrebbero dovuto portare direttamente al cimitero.

Invece, il Buddha nero, imperterrito, fumava e fumava. Ieri, mentre io ero a metà del mio purito – sigaro veramente di modeste dimensioni –  lui era già al secondo mammut di tabacco. Anche oggi l’ho visto al tavolo che se ne consumava un altro. E rideva di gusto: stava sicuramente raggiungendo il nirvana.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: