Ok, panico

Tra i vari momenti di panico raccontati dalla stampa italiana c’è quello scatenato dalla fuga di Fiorello da twitter. E un “chi se ne frega!” non ce lo vogliamo aggiungere. Non è la fine del mondo.I “Che fine ha fatto Fiorello? Perché l’ha fatto? Cosa è successo? Dove è Fiorello? “: gridi di dolore, di rabbia, di paura diffusi dai media italiani a far da eco alla disperazione dei follower dell’artista siciliano.

Ripeto: e chi se ne frega?!

Fiorello è un genio, immenso intrattenitore, unico nel suo genere: non solo in Italia (sai che sforzo) ma anche nel resto del mondo (e non esagero più di tanto). Un genio e un furbissimo utilizzatore delle mode del momento: di certo non l’ha inventato lui, ma twitter gli deve molto in termini di diffusione nel nostro Paese. E se fosse una trovata pubblicitaria? Dopo aver sfruttato il mezzo in maniera incredibile e fors’anche esagerata, ottenendo visibilità anche al di fuori dei suoi canonici spazi (radio-televisivi, teatrali…), Fiorello l’abbandona all’improvviso, ottenendo altra visibilità in un momento di riposo e, soprattutto, senza grandi sforzi. Insomma, Fiorello come Nanni Moretti: “mi si nota di più se sto su twitter o se me ne vado all’improvviso?”. Il fatto è che c’è un solo, originale, inimitabile Nanni Moretti,

Rivediamo Nanni Moretti.

Advertisements

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: