Esercitazione libera

Il ministro Cancellieri propone l’utilizzo dell’esercito in chiave anti-terroristica, come strumento di protezione di persone e aziende potenzialmente oggetto di attacchi terroristici. Domande: e il resto della popolazione? Quella che vive a stretto contatto con la macro/micro-criminalità non meriterebbe anch’essa una tutela militare? E quali sarebbero i compiti delle truppe: solo guardie del corpo? Bello spreco. Controllo del territorio? E che ci stanno a fare le migliaia di poliziotti e carabinieri sparsi per l’Italia?

Non ho mai creduto all’esercito che diventa polizia. Se non in casi estremi e di estrema difficoltà, qualitativa e quantitativa, delle nostre forze dell’ordine. Il che non mi pare sia questa la situazione. Per nostra fortuna: non siamo in piena rivoluzione brigatista; non stiamo vivendo una nuova offensiva della mafia.

Non mi è mai piaciuto questo uso retorico, propagandistico dell’esercito, che viene trasformato nel “factotum della città”: poliziotto, vigile, spazzino. Un factotum che poi fa poco o nulla.

Non mi piaceva ai tempi del ministro La Russa. Né adesso con il ministro Cancellieri

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: