I mercenari 2

Come se giocassero insieme, in uno stesso team, Kareem Abdul Jabbar, Michael Jordan, Magic Johnson, Larry Bird, Karl Malone. Come se giocassero insieme, nella medesima squadra, Platini, Maradona, Zico, Baresi, Rossi. E’ questa la sensazione di fronte al film I Mercenari 2 e il suo cast. Sylvester Stallone, Bruce Willis, Arnold Schwarzenegger, Chuck Norris, Dolph Lundgren, Jean Claude Van Damme: i tuoi miti giovanili, tutti insieme, in una stessa pellicola, a fare quello che sanno fare meglio e quello che tu hai sempre apprezzato: sparare a più non posso e spaccare il culo ai cattivi.

Ergo: orgasmo multiplo. Non si può provare che un orgasmo multiplo vedendo recitare per la prima volta insieme queste icone degli action movie anni ’80 e anni ’90. Se mi avessero detto tre anni fa che avrebbero realizzato un film con un cast del genere, non ci avrei mai creduto. Anzi: avrei reputatato il mio interlocutore un coglione. E, invece, dopo The Avengers arriva il sequel dei Mercenari: e capisci ancora una volta che i sogni sono possibili. Almeno a Hollywood.

E la trama del film? Ma chi se ne frega! Chi se ne frega della trama se c’è Chuck Norris che interagisce con Sly e Schwarzy. Chi se ne frega. Per rimanere estasiati basterebbe solo l’inizio del film: dopo essere stato pestato ben bene, il nostro ex governatore della California preferito viene  salvato da Stallone. Vuole partecipare ai combattimenti e chiede ad uno dei mercenari l’arma: questi è restio a dargliela, Arnold insiste e l’ottiene. Ma il mercenario (l’attore Terry Crew) risponde: “se non me la restituisci, il tuo culo è terminato”. Evvai con le citazioni cinematografiche – tra l’altro, ci saranno rimandi a Ombre Rosse, Guerre Stellari e Il Padrino.

E la trama? Ancora?! Ma chi se ne importa quando hai un Chuck Norris, vero e proprio deus ex machina, che, introdotto da una motivetto alla Morricone della trilogia del dollaro, interviene a modo suo e in maniera risolutiva a favore di Stallone e dei suoi. Chi se ne importa della trama quando hai un Chuck Norris che duetta con Arnold. O meglio: sono le armi dei nostri due beniamini che duettano. Con, in aggiunta, una battuta indimenticabile di Schwarzy (e lui ad avere le battute migliori) che commenta nel seguente modo l’intervento di Mr. Texas Ranger: “Ci sono tutti, manca solo Rambo!”

Insomma, un capolavoro. Botox a parte, Sly è in formissima, Willis sempre al meglio, Schwarzy invecchiato bene come guerriero, Norris incommensurabile (e ha 72 anni!), Lundgren grande prova, non male Van Damme, per quanto devastato dalle plastiche e dagli eccessi.

E la trama? Se proprio insistete… Riassumendo: massacri, massacri, massacri, centinaia anzi migliaia di morti, mafia dell’est sgominata, pericolo nucleare sventato. Niente di nuovo ma con quel cast… Oscar! Subito!

Tag: , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: