Vince Bersani

Bersani ha vinto. Renzi ha perso. Senza se e senza ma. Nettamente. Punto e a capo.

Bello il discorso di Renzi in cui ammetteva la sconfitta. Un po’ retorico, forse, ma fa sempre specie ascoltare un leader politico non solo ammettere di aver perso ma anche attribuirsi ogni responsabilità. Ci sono due Renzi: quello umile che ammette gli errori e che sa comunicare positivamente; e quello che si fa prendere la mano dalle invettive, che perde tempo ed energie nelle polemiche. Quale dei due prevarrà? Il futuro sarebbe suo, sempre che non faccia troppi errori.

Bruttino il discorso di Bersani: noioso, antiquato. Ma lo si sapeva. Lui è l’usato sicuro. In una situazione come questa che stiamo attraversando, ossia di crisi nera (culturale, politica, economica, sociale, interna ed internazioanle) di cui il principale responsabile (va ripetuto all’infinito) è stato Silvio Berlusconi, potrebbe andare bene affidarsi a Pierluigi Bersani: una persona posata, senza troppi grilli per la testa, concreta. L’importante è che il realismo prevalga sull’ideologia stantia cui sembra ricorrere il politico emiliano. Altrimenti, non andrà da nessuna parte. Peggio: non farà andare da nessuna parte il nostro Paese. Sia più liberaldemocratico e meno socialdemocratico. Lo so: è difficile esserlo, soprattutto per uno come Bersani, ma solo così potrà non solo vincere le elezioni ma anche governare, e bene. E potrà, forse, ottenere il mio voto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: