Fascio perpetuo /3

Sul tema fascismo interviene pure il nostro Presidente della Repubblica. Napolitano tiene a precisare che c’è “necessità di tenere alta la guardia, vigilare e reagire contro persistenti e nuove insidie di negazionismo e revisionismo magari canalizzate attraverso la rete”.

Mi dispiace per il Presidente della Repubblica, ma il revisionismo non c’entra un cazzo con il negazionismo. Il revisionismo non nega nulla: non nega i campi di concentramento, non nega i forni, non nega il male assoluto. Il revisionismo, come sostengono tutti gli storici in buona fede, non è altro che un modo di raccontare la storia. Anzi è IL modo. Si scrive storia  per rivedere quello che è stato scritto precedentemente: per correggere, confutare, integrare quanto è stato scritto precedentemente, fondandosi su nuove ipotesi interpretative e, ovviamente, su nuovi documenti. Altrimenti non si fa altro che ripetere le stesse cose in uno stile più o meno leggibile.

Il vero errore sarebbe negare il revisionismo: significherebbe negare ogni tipo di progresso nella ricerca storica.

Advertisements

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: