Elezioni 2013 /37

E adesso vedremo se Roma, Mamma Roma, la Roma del Cupppolone e del Grande Raccordo Anulare, delle chiese barocche e quelle oscene di periferia, la Roma che vuole essere internazionale ed ha un cuore da provinciale, la Roma dei quartieri che sono metropoli e dei quartieri che sono piccoli borghi, la Roma della Cristoforo Colombo e dei vicoli in centro, la Roma dei sampietrini che sono scivolosamente mortali quando piove e del cocomeraro estivo, della grattachecce e dei locali pseudochic newyorkesi con gli extracomunitari pakistani o indiani che provano a convincerti ad entrare; la Roma sporca soffocante pestilenziale; la Roma delle meravigliose primavere di maggio  e la Roma della maledetta afa estiva che nessuna brezza riesce a placare, la Roma del Ponentino e del fiume Tevere, perennemente lercio e perennemente lento; la Roma dei ministeri e delle burocrazie supponenti ma fannullone, che prosperano in uffici dove l’odore di carta stantia pervade corridoi sciatti e stanze iperaffollate di scrivanie e librerie con documenti e libri che nessuno ha mai letto; la Roma delle migliaia di avvocati e di altri intrallazzatori, architetti assicuratori e scrivani; la Roma che nel passato ha corrotto il cristianesimo, il liberalismo, il socialismo, il fascismo, la democrazia cristiana e anche il leghismo; la Roma che tutto ha visto e tutto ha inghiottito, sempre cangiante sempre ferma sempre eterna; vedremo se questa Roma riuscirà ad addomesticare anche i grillini.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: