Margaret Thatcher (1925-2013)

Non era la mia tazza di tè. Tra le diverse donne politiche che hanno guidato uno Stato, le ho sempre preferito Golda Meir. Ma la Thatcher ha segnato la storia: non riconoscerlo sarebbe da idioti.

Liberale e liberista, con un forte senso dello Stato e della nazione, nemica delle lobby (specie se sindacali), non andava per il sottile. Era capace di andare contro l’ipocrisia e il senso comune (che quasi mai corrisponde al buon senso), contro tutto e contro tutti, incurante della volatilità dei consensi registrati dei sondaggi. Riformò violentemente la Gran Bretagna, strafottendosene delle proteste popolari: e il Paese ne risentì positivamente, conoscendo una crescita economica di notevole significato. A caro prezzo, però, a discapito infatti della classe operaia e dei sindacati che la rappresentavano, seppur da posizioni di retroguardia.

Tutti i politici inglesi che vennero dopo di lei, sia conservatori sia laburisti, non hanno potuto prescindere dai mutamenti che la Thatcher ha apportato alla società e alla economia del Regno Unito. Ma, se in politica economica aveva ragione, anche ad usare il pugno di ferro, la sua gestione del problema dell’Ulster non fu esente da critiche. E’ vero che la sua posizione di netta chiusura si inseriva nel filone tradizionale della politica inglese: ma lei ci mise del suo, aggravando una già grave situazione.

Uno dei suoi meriti in politica estera fu la guerra per le Falkland. In teoria e, forse, anche nella pratica la Gran Bretagna aveva tutto il diritto e il dovere a lottare per quelle sperdute isolette nell’Oceano Atlantico a poche miglia dalla costa argentina.  Ma il suo merito non rimane tanto nella questione in sé e nella vittoriosa guerra combattuta: il suo vero merito, che anche gli argentini dovrebbero riconoscere, è che la vittoria del Regno Unito accelerò la decomposizione del regime dittatoriale argentino e il ritorno della democrazia nel Paese sudamericano.

Riposi in pace.

Tag: ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: