Notturno romano/6

Motorellando di sera per Roma.

Via Baldo degli Ubaldi. Un tizio sopra uno scooterone, molto probabilmente un muratore considerando i pantaloni sporchi di calce, zigzaga beatamente: dal centro della strada al marciapiede di destra e viceversa. Penso sia ubriaco. Invece, dopo attenta osservazione, scopro che sta obbedendo ad una particolare (e condivisibile) logica. Si avvicina al marciapiede ogniqualvolta vede passeggiare un essere di sesso femminile. Se la donna in questione non gli garba, si riposiziona al centro della strada. Alla fine una ragazza dai capelli neri e bella in carne lo attrae. Rallenta, si affianca alla preda e inizia a chiacchierare. Lui procede sullo scooterone, lei cammina. Lui le rivolge la parola, lei rimane muta. Il nostro gallo cedrone del ventunesimo secolo si spazientisce e se ne va, ma prima le urla: “A bella mora! Me te magnerò!”. Lei risponde con educazione: “Ma vaffanculooooo!”

Altra ora, altro luogo. Sempre Roma. Zona via Sallustiana. Due fidanzatati sono seduti sui gradini di una chiesa. Una luce puntata sulla facciata dell’edificio religioso li illumina. Si abbracciano delicatamente. Passa un tizio su una Vespa con rumorosi problemi di marmitta. Guardia i due che sembrano stringersi per sempre e grida loro: “A bbbbeeeelliiiii!”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: