Cronache marine/1

“Mammaaaaa, mammaaaa!!! Dove sei?”
“C’ho bisogno di una bira”
“Mi spalmi la crema sulle spalle?”
“Oggi avrei dovuto ripassare diritto romano, ma fa troppo caldo. Mi rilasso in spiaggia e poi mi ci impegno questo pomeriggio… inoltrato”.
“Cazzo, l’acqua è gelida”
“La voi a pizza o preferisci er panino?”
“Mo ce pensa tuo padre, quando ritornamo a casa”
“Io ho chiamato  e mi avevano assicurato che sarebbero arrivati venerdì pomeriggio. Io stavo là e non è venuto nessuno. Adesso lei mi chiama e mi dice che oggi, sabato, ci sono quelli della consegna?”
“Mammaaaaaa!!! Mammaaaaaaa!!!”
“Sì, sì, le sigarette, l’ho capito,  compro le sigarette, non me dimentico, non te preoccupa’!”
“Sansoni dribbla il terzino, tiro… Goooollll!!”
“Carlotta, Carlotta, me dai per un secondo er cellulare?”
“Mettemose a riva così ce becchiamo un po’ di arietta. Fa n’afa che ammazza pure il diavolo che te se porta”.
“A Sere’, sei proprio una stronza”
“Salut… odinhi… mare…”
“Ma poi le tasse, le abbassano, sì o no? Mistero”
“Mi sono scaricato l’album dei Daft Punk. Mica male”
“Ieri sono andata dal parrucchiere e mi sono fatto accorciare i capelli”
“A Mario, a Mariooooo! Ma che cazzo dici?”
“Mammaaaaa, mammaaaa!!! Dove sei?! Mammaaaaaa”

Stop. Non c’avete capito un cazzo, mi sa. Al mare questa è l’accoglienza. Un caos sonoro. I colpevoli principali sono  i bambini. La solita polifonica e cacofonica pipinara. Provo a mettere un po’ d’ordine.

Mi trovo in una spiagga libera di Ladispoli. Sabbia nera, vulcanica: attira i raggi del sole che è un piacere. Effetto brace. Qualche refolo di vento, ma timido, stitico. Si respira a fatica. All’ingresso della spiagga uno stronzo di cane e un assorbente. Solitamente la spiaggia è pulita. Oggi lascia a desiderare. Vado al centro. Mi stendo. Davanti a me un gruppo di ventenni. Parlano di appelli, esami, lezioni di diritto: sono studenti universitari. Si scambiano panini e pizza. Bevono acqua, succhi di frutta e coca cola.  La mia attenzione è colpita da una di queste studentesse. Bella come il sole: labbra perfette, carnose e rosso porpora ma non truccate, gli occhi celesti. Magra, ha due seni fenomenali. Anche il culo è da standing ovation. Le altre amiche non sono dello stesso livello.  Una biondina le si avvicina, ma non ha forme spettacolari e forse è  un po’ troppo larga di fianchi. E’ più spigliata, però: supplisce i difetti fisici con l’intraprendenza.

“Mammaaaaa, mammaaaa!!! Dove sei?! Mammaaaaaa”

A ore tre un gruppo di rumeni: due coppie, bianchicce. Le donne sono anoressiche e sciatte, con nasi imperfetti e menti prominenti. Una ha i capelli rossi, l’altra biondi: entrambe poco curate. Gli uomini sono più in carne: uno ha tutti i muscoli a posto, l’altro lo rovina una pancia gonfia. Sono i maschi a parlare: o tra loro o al telefono.  Entrambi bevono birra su birra su birra. Solo e sempre Peroni. Ecco: se c’è una cosa che unisce stranieri dell’est e italiani, che facilita l’integrazione è proprio la birra. L’alcol come supporto all’unione europea.

A ore cinque alcuni bambini giocano col pallone: urla, strepiti, insulti, simulazione di boati ad ogni gol. Sollevano la sabbia, talvolta il pallone finisce fuori controllo e si perde tra gli ombrelloni, le sdraie e gli asciugamani degli altri bagnanti, che si incazzano perché la tranquillità della tintarella viene interrotta.  I bambini provano rovesciate improponibili, si esibiscono in tuffi di testa rischio ricovero cranioleso al CTO, danno vita a goffi dribbling.

A ore nove un altro gruppo di ragazzi: niente calcio, però. Tra un vaffanculo e una bestemmia, una bestemmia e un vaffanculo, i  nostri eroi, che a grandissima fatica superano i dodici anni, conversano amabilmente. Del tipo:
“A Marco!!!”
“Che voi, Carlotta?!”
“Se non me dai er cellulare, te metto una matita appuntita ner costume”.
“E io te metto n’artra cosa ner costume”.

“Mamma!!!! Mamma!!!”

2 Risposte to “Cronache marine/1”

  1. michiamoblogjamesblog Says:

    Divertente! io sul mio blog ho proprio aperto una rubrica che si intitola “di cosa parla la gente” e molte delle frasi riportate sono prese proprio dai week end in spiaggia…
    http://michiamoblogjamesblog.wordpress.com/2013/05/18/di-cosa-parla-la-gente-terza-puntata/

  2. c1a7 Says:

    Ahahhaha. Allora contribuisco!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: