Quer pasticciaccio brutto di Casal Palocco

L’ambasciatore kazachistano (copyright Ignazio La Russa) fa il bello e il cattivo tempo con la nostra polizia. Ordina, fa, disfa, dispone. E i nostri poliziotti ad obbedire. Come se fosse lui il ministro degli Interni e non Angelino Alfano. Il risultato è il pasticciaccio brutto di Casal Palocco. Al momento l’unico a pagare dazio è il capo di gabinetto di Alfano, che si è dimesso.

Ma è il governo che fa una pessima figura. In un primo momento difende a spada tratta l’operato delle forze dell’ordine, affermando che si sono mosse nel pieno rispetto delle norme. Poi  spiega che, forse, madre e figlia del dissidente/criminale kazaco non andavano cacciate, senza però fare marcia indietro sul comportamento della polizia. Delle due l’una: o le forze dell’ordine hanno eseguito la legge. O l’hanno violata. Tertium non datur. E, quindi, a pagare dovrebbero essere non solo il capo di gabinetto ma anche altri rappresentanti della polizia nonché i magistrati che hanno avallato il processo di espulsione.

Ma non finisce qui. Anche al ministero degli Esteri qualcuno dovrebbe pagare. E’ impossibile che un ambasciatore faccia il bello e il cattivo tempo senza che nessuno del ministero venga informato o che si informi di sua sponte: mi pare strano che nessuno al ministero sapesse che in Italia c’era la famiglia di un importante dissidente/criminale kazaco.  E poi anche l’intelligence italiana: cosa ha fatto? Sul nostro territorio avviene un’azione di polizia “internazionale” con aereo che sbarca a Ciampino, che fino a prova contraria è anche aeroporto militare, e i servizi giurano di non saperne niente. Bella intelligence…

Posso anche capire che Alfano non ne sapesse nulla. Ma stiamo parlando del suo capo di gabinetto. Si permetta di essere perplessi. Pertanto, le critiche al suo in-operato ci stanno tutte. Come critiche pesantissime  dovrebbero essere rivolte alla Bonino, anche per il solo fatto di non aver promosso la rimozione dell’ambasciatore kazaco, e a Letta che ha avallato tutto – e per lo scarso controllo sui servizi.

Tag: , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: