Bud Spencer (1929-2016)

Uno dei primi film che mio padre mi porto a vedere a Frascati, dove c’eravamo trasferiti nel 1982, fu Nati con la camicia. Ancora mi ricordo le risate – e gli scomodissimi sedili in legno. Papà che mi porta a vedere un film con Bud Spencer. Come non amarlo, Carlo Pedersoli, morto ieri all’età di 86 anni.

Non era un Gassman o un Mastroianni. Neppure un Totò o un Fabrizi.  L’ammetteva lui stesso: “non sono un attore”. Perché Bud Spencer era una forza della natura. Negli anni ’70 il cinema italiano che faceva incassi, anche all’estero, era il suo in coppia con Terence Hill (che nelle interviste chiamava sempre col suo vero nome, Mario). Recentemente Tv Sorrisi e Canzoni ha pubblicato la classifica dei 50 film che hanno avuto più spettatori dagli anni ’50 in poi. Ebbene i film della coppia sono quelli più presenti.

Bud Spencer era popolarissimo.  Dappertutto. In Germania, forse, più che in Italia stessa. Nonni e nipoti, napoletani e liguri, marchigiani e lombardi: tutti l’amavano. Non potevano non amarlo. Con quei cazzotti che avrebbero steso anche Hulk, con quelle due/tre espressioni che erano tutto un programma e con una serie di battute memorabili. Una su tutte: “Tu lo reggi il whisky?”. “Beh, i primi due galloni sì, al terzo divento nostalgico e ci può scappare la lite”. I due Trinità, Due superpiedi quasi piatti, quella meraviglia da teologia della rivoluzione che si chiama Porgi l’altra Guancia, Altrimenti ci arrabbiamo, Nati con la Camicia, la saga di Piedone: meraviglie su meraviglie, che fanno dimenticare anche film e serie tv meno riusciti. Da vedere e rivedere. Fino all’infinito. 

Infine, chi mi conosce, sa il mio (dis)orientamento politico.  E’ giunto il momento di fare coming out politico. Ho votato una sola volta Forza Italia. Avvenne nel 2005, quando il partito di Berlusconi presentò Bud alle elezioni regionali del Lazio.  Feci una cazzata? Sicuramente. Espressi un voto a perdere? Ovvio. Ma come mi sarei dovuto comportare? Non l’avrei dovuto votare? Rinnegavo decenni di matte risate multiple, infiniti attimi di allegria? Perdevo l’occasione di ringraziarlo scrivendo con orgoglio il nome “Bud Spencer” sulla scheda elettorale?Preciso anche che il sistema elettorale regionale permette il voto disgiunto: è possibile votare contemporaneamente il candidato alla presidenza di una coalizione e un consigliere della coalizione avversaria. Votai dunque Bud Spencer. E votai Piero Marrazzo, centro-sinistra, come presidente della Regione (il centro-destra presentava Storace, ma Storace no, non potevo, era troppo per me).
Della preferenza accordata a Piero Marrazzo mi pentii amaramente. Del voto dato a Bud Spencer fui, sono e sarò sempre orgoglioso

Tag: ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: